BLOG

Anime in riparazione

Anime in riparazione è il titolo del nuovo libro di Ciriaco Scoppetta, neurologo, studioso di neuroscienze, già primario neurologo ospedaliero e professore associato universitario.
Oltre ad alcuni romanzi brevi e a una raccolta di poesie, ha scritto di miastenia, alzheimer e ora, in questo suo nuovo lavoro, racconta storie di vita che lo hanno maggiormente colpito.

Per saperne di più

Amor 77

Y después de hacer todo lo que hacen, se levantan, se bañan, se entalcan, se perfuman,
se peinan, se visten, y así progresivamente van volviendo a ser lo que no son.
Julio Cortázar

Per saperne di più

Freud o l’interpretazione dei sogni

Al Piccolo Teatro Strehler di Milano si sono appena concluse le repliche di “Freud o l’interpretazione dei sogni”. Un lavoro tratto da “L’interpretatore dei sogni” di Stefano Massini che, dopo la “Lehman Trilogy”, si conferma autore estremamente sensibile e acuto.

Per saperne di più

The PLACE

“Perché gli chiedi cose così orrende?”
“Perché c’è chi è disposto a farle”

L’ultimo film di Paolo Genovese è un adattamento cinematografico della serie televisiva statunitense The Booth at the End ed è interpretato da un cast di attori e attrici italiani straordinario. Non sono un critico cinematografico e quindi mi fermo qui con la descrizione. Quello che voglio invece condividere è la bellezza di questo film, il sapore e l’atmosfera ambigui e dark, l’intuizione degli sceneggiatori.

Per saperne di più

Genetic testing

"Migliaia di persone in tutto il mondo sono state concepite utilizzando gameti di donatori, ma non tutti i genitori mettono al corrente i figli sulla loro origine.
Diversi paesi permettono ora alla prole concepita tramite donatore, qualora sia informata dell’essere stata così concepita, di conoscere potenzialmente il loro genitore genetico. Allo stesso tempo, il test genetico personale è un campo in rapida espansione. Oltre tre milioni di persone hanno già utilizzato test genetici per ottenere informazioni sui loro antenati e in molti stanno partecipando alla creazione di un data base internazionale di genealogia genetica per trovare un abbinamento con i loro parenti. La crescente diffusione di queste tecnologie pone numerose sfide alla pratica della donazione di gameti:

Per saperne di più

Vivian Maier – Le vite degli altri

vivian maier

Non molti anni fa venne pubblicata la notizia del ritrovamento di un cospicuo archivio fotografico e, conseguentemente, della fotografa che quel materiale aveva prodotto.
Si trattava di una donna sola, con una grande passione per la fotografia, vissuta senza agi e che per mantenersi aveva lavorato come bambinaia vivendo il più delle volte in una stanza presso le famiglie abbienti di New York e Chicago per le quali accudiva i figli.
La Maier nasce a New York nel 1926 da madre francese e padre di origini austriache. Quando i genitori si separano, lei è ancora molto piccola, la famiglia si smembra, il fratello viene affidato ai nonni paterni mentre lei resta con la mamma che trova ospitalità nel Bronx da un’amica appassionata di fotografia. Qui verosimilmente nasce la sua passione.

Per saperne di più

Psicoterapia e depressione

Tavistock ha condotto in Inghilterra il primo studio randomizzato e controllato dal servizio sanitario nazionale su un campione di pazienti adulti affetti da depressione cronica per stabilire se un intervento di psicoterapia psicoanalitica a lungo termine sia in grado di fornire un aiuto ai pazienti affetti da depressione cronica che non hanno tratto beneficio da altri trattamenti, quali cure con antidepressivi, consultazioni brevi, terapie cognitivo comportamentali.

L'esperienza clinica e le ricerche esistenti suggeriscono che le terapie psicoanalitiche funzionano, ma lo studio Tavistock si è concentrato sull’efficacia del trattamento con i pazienti che presentano depressione persistente, cronica, resistente. Il trattamento è stato fornito per la durata di 18 mesi e con sedute settimanali ai pazienti selezionati per la sperimentazione.

Per saperne di più

Deviazione per L’Aquila

Non ero mai stata a L’Aquila. Non mi era mai capitato di passare da quelle parti. Ancor meno dopo il 6 aprile 2009.
Avevo provato, come molti, dolore per il terremoto in sé come evento che arriva e spazza via tutto, ma anche e soprattutto per la devastazione avvenuta per cupidigia, ignoranza, grettezza, sciacallaggio. Per denaro. Mi riferisco ovviamente alle fondamenta di sabbia che, sgretolandosi, hanno sgretolato la vita di tanti ragazzi e delle persone che a quei ragazzi volevano bene.

Per saperne di più